Ricette e Vino - Mangiare Divino http://www.mangiaredivino.com l'arte del gusto in un blog! Thu, 10 Jul 2014 13:45:41 +0000 it-IT hourly 1 http://wordpress.org/?v=3.5.1 La Pizza in teglia http://www.mangiaredivino.com/la-pizza-in-teglia.html http://www.mangiaredivino.com/la-pizza-in-teglia.html#comments Thu, 20 Mar 2014 16:48:21 +0000 paco http://www.mangiaredivino.com/?p=3109 Leggi tutto »]]> Eccola qua! finalmente son riuscito a trovare una ricetta che mi permette di realizzare una pizza alta, soffice e leggerissima.

Devo ringraziare mio cugino Gennaro grande appassionato di enogastronomia e “papà” di “lievito madre” che usa per preparare pane veramente gustosissimo.

Qualcuno direbbe: “Una Focaccia in sostanza!!!” Ebbene si, la pizza che adoro quando la si prepara in casa è quella tipo “Focaccia”.

La preparazione è semplice, ma vi raccomando due fasi di importanza fondamentale:

  • Impastamento
  • Lievitazione

Ricordatevi che per preparare la pizza dovete avere tempo, solo così il risultato sarà…Stratosferico!!

Preparazione:

Prima di mettere al forno le nostre pizze la temperatura deve essere di 250°

  • Prendete una terrina e versatevi all’interno l’acqua per l’impasto
  • Scioglietevi all’interno il lievito
  • Su di una spianatoia mescolate lo zucchero ed il sale con la farina
  • Con l’aiuto di un mestolo  cominciate ad irorrare la farina, avendo cura di amalgamare con le dita
  • Aggiungete mestoli di acqua impastando sempre con le dita
  • Quando l’impasto si compatta cominciate al lavorarlo energicamente fino a quando non diverrà liscio e morbido.
  • L’impasto sarà pronto quando non lascerà traccia sulle mani, durante le fasi di impastamento
  • Aggiungete dell’acqua se lo ritenete troppo duro.
  • Fate una palla con l’impasto e riponetelo in una terrina spolverizzata con la farina
  • Coprite con della pellicola trasparente e lasciate lievitare in un luogo caldo per circa 2 ore
  • Quando avrà raddoppiato il volume
  • Riducete l’impasto pigiando con il pugno nella parte superiore
  • Ungete le teglie di olio
  • Prendete una parte dell’impasto adatto per il fondo della teglia
  • lavoratelo per un minuto circa
  • stendetelo sul fondo della teglia
  • Conditelo con pomodoro o altro di vostro gradimento
  • Coprite con pellicola trasparente
  • Fate lievitare per circa circa 45 minuti
  • Aggiungeter altri condimenti se desiderate
  • Infornate a 250° di temperatura per 15/20 minuti
  • Servite Calda!!!

Buon Appetito!!!

]]>
http://www.mangiaredivino.com/la-pizza-in-teglia.html/feed 0
Impasto per il pane http://www.mangiaredivino.com/impasto-per-il-pane.html http://www.mangiaredivino.com/impasto-per-il-pane.html#comments Thu, 20 Mar 2014 16:47:53 +0000 paco http://www.mangiaredivino.com/?p=3112 Leggi tutto »]]> Questa ricetta è quella di base per la preparazione del pane fatto in casa. Il risultato finale sarà un pane profumatissimo che avvolgerà le vostre mura domestiche.

Come sempre abbiate cura e tempo per prepararlo il pane come d’altronde tutti gli impasti lievitati con lievito “vivo” hanno bisogno di dedizione.

E poi il risultato Ripaga!!

Fatemi sapere.

Prepatazione:

Preparate il Forno in  Statico 240°

  • Sciogliete il lievito nell’acqua prevista per la ricetta che deve essere a temperatura ambiente
  • Amalgamate la farina con il sale
  • Disponete la farina a fontana su di un piano di lavoro
  • Aggiungete a mestoli l’acqua, impastando delicatamente con le mani
  • Quando avrete aggiunto tutta l’acqua lavorate energicamente l’impasto per circa 5 minuti
  • Se necessario aggiunte acqua
  • Aggiunte l’olio e continuate ad impastare per circa 10 minuti
  • L’impasto sarà pronto quando sarà compatto,liscio ed elastico
  • Ponetelo ,coperto da un telo di tessuto, a lievitare per circa un ora (fino a quando avrà raddoppiato il suo volume)
  • Modellate l’impasto in pagnotte (o altra forma) di dimensione desiderata
  • fate lievitare ancora per circa un’ora
  • Preparate una teglia totalmente oleata
  • Capovolgete le forme del pane e ponetele sulla teglia
  • Con il forno alla temperatura di 240° infornate il pane
  • Lasciate cuocere fino a quando sarà dorato
  • Gustatelo caldo con pancetta o sottilissime fette di mortadella di Bologna

Buon Appetito!

]]>
http://www.mangiaredivino.com/impasto-per-il-pane.html/feed 0
Vellutata di patate e porcini http://www.mangiaredivino.com/vellutata-di-patate-e-porcini.html http://www.mangiaredivino.com/vellutata-di-patate-e-porcini.html#comments Tue, 05 Feb 2013 19:08:17 +0000 paco http://www.mangiaredivino.com/?p=3003 Leggi tutto »]]> Durante i mesi invernali le ricette delle vellutate sono ottime da realizzare per la cena. La vellutata che vi propongo oggi è veramente semplice ma nel contempo estremamente gustosa. Due elementi: le patate ed i funghi porcini uniti da un brodo di carne di ottima fattura rendono questo piatto veramente indimenticabile…che ne dici Filippo?…;-)

Preparazione:

  • Preparate 1,5 litri di brodo di carne e tenetelo in caldo
  • Pelate le patate e tagliatele in 4 parti
  • Prendete una pentola, riempitela d’acqua
  • Ponetela sul fuoco, tuffateci all’interno le patate
  • Al bollore salate e lasciate cuocere fino a quando le patate saranno morbide
  • Quando saranno pronte colatele e tenetele da parte
  • Prendete un tegamw
  • Fate il fondo con l’olio d’oliva
  • Tuffateci all’interno l’aglio mondato
  • Ponete sul fuoco dolcissimo e lasciate soffriggere
  • Aggiungete nel tegame i funghi
  • Aumentate la fiamma e lasciate cuocere per circa 10 minuti
  • Aggiungete le patate ed amalgamate il tutto
  • Lasciate cuocere insieme per circa 7/8 minuti
  • Alzate la fiamma ed aggiungete due mestoli di brodo
  • Fate ridurre il liquido
  • Togliete dal fuoco
  • Aggiungete due mestoli di brodo bollente
  • Amalgamate il tutto con l’aiuto di un frullatore ad immersione
  • Aggiungete brodo fino a quando avrà raggiunto la consistenza desiderata
  • Servite con una spruzzata di parmigiano ed un pizzico di pepe bianco
  • Ottimo come accompagnamento del pane bruschettato all’aglio
  • La vostra vellutata di patate e porcini è pronta

Enjoy it

Curiosità:

Lo sapevate che il nome del porcino comune é Boletus edulis?

Consigli:

Quando aggiungete le patate ai funghi fatele soffriggere, scateneranno una serie di aromi strepitosi.

Abbinamento vino:

Sarò tradizionalista ma io ci abbino sempre un Aglianico.

 

 

 

]]>
http://www.mangiaredivino.com/vellutata-di-patate-e-porcini.html/feed 0
Spaghetti con speck e pomodori secchi http://www.mangiaredivino.com/spaghetti-con-speck-e-pomodori-secchi.html http://www.mangiaredivino.com/spaghetti-con-speck-e-pomodori-secchi.html#comments Thu, 31 Jan 2013 11:20:02 +0000 paco http://www.mangiaredivino.com/?p=2993 Leggi tutto »]]> Carissimi amici, oggi vi presento una ricetta semplice ma di grande personalità. La ricetta degli spaghetti con speck e pomodori secchi è una mia creazione di qualche settimana fa. Durante una serata tra amici mi hanno chiesto di preparare un primo veloce ma di “sostanza”, dando occhiata a ciò che avevo disponibile in casa, decido di preparare questo spaghetto che unisce il gusto del pomodoro pachino secco all’inconfondibile profumo dello speck del Tirolo.

Procedimento:

  • Prendete una pentola riempitela di acqua e ponetela sul fuoco
  • Sminuzzate i pomodori secchi e teneteli da parte
  • Tagliate a julienne lo speck
  • Tagliate a velo la cipolla
  • Quando l’acqua è a bollore calate la pasta
  • Prendete una padella
  • Fate il fondo con l’olio
  • Ponetela sul fuoco dolcissimo
  • Tuffate all’interno la cipolla e lasciate friggere per circa 5 minuti
  • Tuffate all’interno lo speck, amalgamate il tutto
  • Aggiungete a seguire i pomodori secchi e lasciate cuocere per 1/2 minuti
  • Togliete dal fuoco e tenete coperto
  • Colate la pasta, conservando un bicchiere di acqua di cottura
  • Tuffate la pasta nella padella
  • Amalgamate il tutto su fuoco vivace
  • Se dovesse risultare asciutto aggiungete un poco di acqua di cottura
  • I vostri spaghetti con speck e pomodori secchi sono pronti!

Enjoy it!

Curiosità:

Lo sapevate che lo speck deve essere stagionato almeno per 22/30 settimane?

Consigli:

Potete anche utilizzare pomodori secchi classici sott’olio, facendoli sgocciolare. Mi raccomando per lo speck, sceglietene uno del Tirolo e con un’affumicatura delicata.

Abbinamento vino:

Su questo piatto abbiamo bevuto un Traminer aromatico ]]> http://www.mangiaredivino.com/spaghetti-con-speck-e-pomodori-secchi.html/feed 0 Tortillas di Mais http://www.mangiaredivino.com/tortillas-di-mais.html http://www.mangiaredivino.com/tortillas-di-mais.html#comments Thu, 24 Jan 2013 12:11:46 +0000 paco http://www.mangiaredivino.com/?p=2987 Leggi tutto »]]> Le Tortillas sono sfoglie di farina di mais e acqua senza lievito ottenute pressando con un particolare utensile (tortilladora) una pallina dell’impasto. Hanno una forma circolare ed uno spessore di pochi millimetri, le Tortillas vengono cotte su di una piastra arroventata, girandole due volte e lasciandole circa 30 secondi per lato.La ricetta che vi fornisco oggi è tratta da uno dei tanti libri di ricette di cucina internazionale che ho nella mia libreria. L’ho eseguita alcune volte e devo dirvi che il risultato è, come dice il mio amico Filippo, veramente molto “sfizioso”..;-)

Procedimento:

  • Prendete una terrina
  • Ponetevi all’interno la farina di mais
  • Versate un poco alla volta la farina mescolando
  • Continuate ad impastare fino ad ottenere un impasto morbido
  • Lasciate riposare il tutto coperto per circa 15 minuti
  • Prendete della carta da forno
  • Ritagliate 24 quadrati con una dimensione 15 x 15 cm
  • Suddividete la pasta in 12 parti uguali
  • Mettete la pallina di pasta tra i due fogli di carta da forno
  • Appiattitela con un matterello
  • Ponete sul fuoco una padella antiaderente
  • Fatela riscaldare
  • Togliete un foglio dalla tortilla
  • Mettete la tortilla nella padella calda
  • Eliminate anche il secondo foglio
  • Fate cuocere entrambi i lati per circa 60 secondi
  • Procedete alla stessa maniera per il resto delle Tortillas

 Curiosità:

Lo sapevate che le Tortillas sono il simbolo della cucina tex-mex?

Consigli:

Preparate queste Tortillas ed utilizzatele per accompagnare zuppe, salse o insalate. Oppure seguite le nostre ricette per la preparazione di squisite Tortillas farcite con carne o verdura. Potete anche sostituire la farina di mais con quella di grano.

 

]]>
http://www.mangiaredivino.com/tortillas-di-mais.html/feed 0
Vellutata di Funghi Champignon http://www.mangiaredivino.com/vellutata-di-funghi-champignon.html http://www.mangiaredivino.com/vellutata-di-funghi-champignon.html#comments Wed, 23 Jan 2013 18:22:03 +0000 paco http://www.mangiaredivino.com/?p=2971 Leggi tutto »]]> La ricetta di questa Vellutata di funghi Champignon è una scoperta relativa ad alcuni giorni fa quando, con l’acquisto di un frullatore ad immersione di marca tedesca ESGE (si tratta della versione tedesca del famosissimo frullatore ad immersione svizzero Bamix), ho ricevuto anche un bellissimo libro di ricette da poter realizzare con l’ausilio di questa apparecchiatura. Tra le varie ricette mi sono imbattuto in questa Vellutata di funghi Champignon, che vi assicuro è davvero notevole. Provatela!!!!

Procedimento:

Preparate un 1lt circa di brodo di carne e tenetelo in caldo

  • Pulite, lavate ed asciugate delicatamente i funghi e teneteli da parte
  • Prendete una pentola, riempitela di acqua
  • ponetela sul fuoco
  • Tuffateci dentro la patata
  • Dal bollore fate cuocere per circa 15 minuti
  • Togliete la patata dall’acqua
  • Fatela raffreddare, togliete la buccia e tagliatela a pezzi
  • Prendete un tegame
  • Mettete all’interno il funghi, la patata, il rosso d’uovo
  • Amalgamate il tutto
  • Aggiungete la crema di latte
  • Amalgamate
  • Aggiungete il brodo bollente
  • Con l’aiuto di un frullatore ad immersione  frullate il tutto
  • Frullate fino a quando il composto sarà diventato liscio e cremoso
  • Lasciate sul fuoco per 2/3 Minuti
  • Servite Calda, la vostra Vellutata di Funghi Champignon è pronta!
Procedimento Vellutata di Funghi Champignon

Procedimento Vellutata di Funghi Champignon

 Curiosità:

Lo sapevate che Champignon in francese significa “Fungo”?

Consigli:

Per tene sotto controllo la “cremosità” di questa Vellutata di funghi Champignon, vi consiglio di aggiungere il brodo un po alla volta. ]]> http://www.mangiaredivino.com/vellutata-di-funghi-champignon.html/feed 0 Torta di Mele Hotel Cipriani Venezia http://www.mangiaredivino.com/torta-di-mele-hotel-cipriani-venezia.html http://www.mangiaredivino.com/torta-di-mele-hotel-cipriani-venezia.html#comments Tue, 22 Jan 2013 14:46:06 +0000 paco http://www.mangiaredivino.com/?p=2796 Leggi tutto »]]> Sul nostro blog ci sono diverse ricette di Torta di mele, ma questa ha una storia particolare. Alcuni anni fa, credo fosse il 1996, i miei genitori si recarono ad un meeting di lavoro presso l’Hotel Cipriani di Venezia e, in quell’occasione, furono consegnate a mia madre alcune ricette, con precisione tre, una meglio dell’altra. Tra le ricette che conservo gelosamente vi è la famosa Torta di mele dell’ Hotel Cipriani di Venezia, realizzata senza lievito e con un risultato davvero sorprendente!!!

Procedimento:

Preriscaldate il forno a 180°. Imburrate ed infarinate una tortiera

  • Prendete il burro ammorbidito e ponetelo in una capiente ciotola
  • Aggiungetevi lo zucchero
  • Montate bene, con l’aiuto di uno sbattitore elettrico,il burro con lo zucchero
  • Separate i tuorli dall’albume
  • Ponete l’albume in una ciotola e montatelo a neve fermissima
  • Aggiungete successivamente i tuorli uno alla volta al composto di zucchero e burro
  • Montate il tutto per circa 20 minuti
  • Nel mentre sbucciate e tagliate le mele a cubetti
  • Trascorsi i 20 minuti i.corporate le farine setacciandole
  • Amalgamate il tutto con cura
  • Incorporate con cura l’albume
  • Aggiungete le mele a cubetti ed amalgamate
  • Collocate tutto nella tortiera
  • Ponete in forno per circa 35 minuti
  • La vostra Torta di mele è pronta!

Enjoy it!

Curiosità:

Lo sapevate che l’utilizzo dei grassi in un dolce serve a donargli fragranza?

Consigli:

Uno importantissimo: Amalgamate gli ingredienti con cura e montate a neve fermissima gli albumi.

]]>
http://www.mangiaredivino.com/torta-di-mele-hotel-cipriani-venezia.html/feed 0
Tortino al salmone http://www.mangiaredivino.com/tortino-al-salmone.html http://www.mangiaredivino.com/tortino-al-salmone.html#comments Tue, 15 Jan 2013 11:39:37 +0000 paco http://www.mangiaredivino.com/?p=2961 Leggi tutto »]]> La ricetta del tortino al salmone è nata da una collaborazione tra me, mio cugino Gennaro e Rosalba. Ci eravamo posti il problema di creare un qualcosa di semplice ma nello stesso tempo gustoso, alfine di per poter allietare una cena tra amici. Questo tortino quindi è estremamente semplice e tutti gli ingredienti ruotano intorno, ovviamente, al salmone affumicato. Abbiamo scelto inoltre di utilizzare l’aneto per la caratterizzazione fresca del finocchio che ben compensa l’affumicato del salmone. La mousse di balsamico, usata come decorazione, conferisce alle patate una personalità veramente interessante. Provatelo e fateci sapere, i nostri amici hanno gradito. ;-)

Preparazione:

Preriscaldate il forno a 190°

Imburrate gli stampi di alluminio e passate all’interno il pan grattato

  • Pelate le patate
  • Dividetele in 4 parti
  • Mettetele in una ciotola e sciaquatele sotto l’acqua corrente
  • Prendete una metà delle patate
  • Mettetele in una pentola
  • Copritele con il latte
  • Salate
  • Fate cuocere per circa 20 minuti
  • Al termine mettete il tutto in una ciotola
  • Aggiungete una punta di un cucchiaio di aneto
  • Frullate il tutto aiutandovi con il frullatore ad immersione
  • Prendete l’altra metà mettetele in una pentola
  • Riempite la pentola con acqua fredda
  • Salate e portate a bollore
  • Bollite le patate fino a quando si saranno ammorbidite
  • Colatele e tenetele da parte in una terrina
  • Prendete le patate bollite aggiungete il pepe bianco a piacere
  • Amalgamate il tutto con una forchetta fino a quando il composto diverrà cremoso
  • Preparate il salmone tagliato a julienne
  • Componete i tortini
  • Riempite gli stampi per metà con la crema di patate fatta con il latte
  • Aggiungete al centro il salmone
  • Chiudete con il purè di patate con pepe bianco
  • Mettete i tortini nel forno per circa 30 minuti
  • Togliete i tortini dagli stampi
  • Ponete il tortino su di un piatto da portata
  • Decorate con Mousse di Balsamico
  • Il vostro Tortino al Salmone è pronto!

Enjoy it!

Curiosità:

Lo sapevate che i salmoni trascorrono la vita adulta in mare per poi ritornare ai torrenti nel periodo della riproduzione?

Consigli:

Se avete difficoltà nello staccare i tortini dagli stampi, potete utilizzare la punta umida di un coltello per intaccare il bordo.

Abbinamento Vino:

Noi abbiamo usato un Prosecco di Valdobbiadene per accompagnare questo tortino.

 

]]>
http://www.mangiaredivino.com/tortino-al-salmone.html/feed 0
Torta di rose http://www.mangiaredivino.com/torta-di-rose.html http://www.mangiaredivino.com/torta-di-rose.html#comments Tue, 08 Jan 2013 18:59:52 +0000 paco http://www.mangiaredivino.com/?p=2940 Leggi tutto »]]> La ricetta della Torta di rose appartiene al giacimento di ricette di mia Zia Annamaria. L’esecuzione è semplice e garantisce un risultato di grande effetto, bisogna solamente aver pazienza per i tempi di lievitazione, cosa non da poco per una società come la nostra che è sempre in corsa.

Procedimento:

Preriscaldate il forno a 180° non ventilato

Imburrate ed infarinate una teglia da forno

Mettete i 200 grammi di burro a temperatura ambiente

  • Tritate la buccia del limone, facendo attenzione a scartare la parte bianca
  • Prendete un bicchiere riempietelo per metà con il latte e scioglietevi all’interno il lievito
  • Prendete una terrina e mettetevi all’interno,la buccia del limone, il latte,lo zucchero,il latte con il lievito , i tuorli, l’olio la farina ed un pizzico di sale
  • Impastate con cura per circa 10/15 minuti
  • Quando la pasta sarà diventata elastica fatela riposare per circa 1 ora
  • In una terrina mette i 200 grammi di burro con lo zucchero di canna
  • Con l’aiuto di uno sbattittore elettrico create un composto morbido
  • Tenetelo da parte
  • Quando l’impasto avrà raddoppiato il suo volume
  • Reimpastate pochi secondi l’impasto
  • Prendete un foglio di carta da forno
  • Stendetevi sopra la pasta formando un rettangolo di circa 35 cm x 25 cm
  • Stendete all’interno la crema di burro e zucchero di canna
  • Arrotolate il tutto
  • Tagliate il rotolo in rotelle dello spessore di circa 3 cm
  • Sistemate le rondelle nella teglia
  • Lasciate lievitare per circa 1 ora e mezza
  • Ponete in forno per circa 40 minuti
  • Servitela separando “le rose” che si sono formate
  • La vostra Torta di rose è pronta

Enjoy it!

Curiosità:

Lo sapevate che negli impasti con lievito di birra bisogna fare attenzione alla temperatura del liquido dove si scioglie il lievito? Ricordatevi che oltre i 38° la vita per i lieviti è “molto difficile”

Consigli:

Come sempre vi consiglio di impastare con cura al fine di formare il glutine il quale vi garantirà sempre lievitazioni perfette…

]]>
http://www.mangiaredivino.com/torta-di-rose.html/feed 0
Spaghetti con il tonno http://www.mangiaredivino.com/spaghetti-con-il-tonno.html http://www.mangiaredivino.com/spaghetti-con-il-tonno.html#comments Tue, 08 Jan 2013 12:04:49 +0000 paco http://www.mangiaredivino.com/?p=2943 Leggi tutto »]]> La ricetta degli spaghetti al tonno è veramente speciale. Alcuni anni fa mi recai in Calabria, precisamente a Tropea, per una vacanza e in un noto ristorante situato tra le splendide viuzze di questa città ebbi l’occasione di assaggiare questa prelibatezza. Il connubio tra Tonno, alici e capperi è veramente particolare e gustoso, ve lo dice chi, come me, non ama le alici.

Procedimento:

  • Prendete una padella;
  • Fate soffriggere all’interno i due spicchi di aglio ed il peperoncino piccante intero per circa 3/4 minuti
  • Unite il pomodoro, fate cuocere per circa 3/4 minuti
  • Unite il filetto di acciughe strizzato e tritato finemente
  • Amalgamate il tutto
  • Aggiungete i capperi dissalati e tritati
  • Aggiustate di sale
  • Fate cuocere il tutto a fuoco dolcissimo per circa 20/25 minuti
  • Vi ricordo di non far bollire la salsa
  • Tritate finemente il tonno
  • Unitelo alla salsa 1 minuto prima di servire il tutto, amalgamate il tutto
  • I vostri spaghetti al tonno sono pronti.
  • Servite!

Enjoy it!

Curiosità:

Lo sapevate che i capperi sono in realtà i boccioli fiorali ancora chiusi?

Consigli:

La fiamma deve essere assolutamente bassa, le alici si devono “sciogliere”.

Abbinamento vino:

Una Falanghina dei campi flegrei, credo sia un ottimo connubio. ]]> http://www.mangiaredivino.com/spaghetti-con-il-tonno.html/feed 0 Ciambella Soffice all’acqua http://www.mangiaredivino.com/ciambella-soffice-allacqua.html http://www.mangiaredivino.com/ciambella-soffice-allacqua.html#comments Wed, 12 Dec 2012 14:49:06 +0000 paco http://www.mangiaredivino.com/?p=2909 Leggi tutto »]]> La ricetta della ciambella soffice all’acqua fa parte della “raccolta” delle ricette di mia Zia Annamaria. L’utilizzo dell’acqua, conferisce all’impasto morbidezza e,grazie al processo di evaporazione dell’acqua, una maggiore resa durante la crescita in forno.

Alcuni giorni ho preparato questa ciambella per alcuni amici che avevo invitato a casa per la colazione. Tutti hanno trovato il dolce veramente buono, visto che, accompagna perfettamente il caffè o uno spumoso cappuccino. Se volete inoltre è possibile abbinare la ciambella soffice all’acqua ad un delicatissimo zabaione. Provate e mi raccomando… fatemi sapere. ;-)

Procedimento:

Imburrate uno stampo da 20 cm per ciambelle

Preriscaldate il forno a 180° statico non ventilato

  • Mettete le uova in una terrina con lo zucchero
  • Con l’aiuto di uno sbattitore elettrico montate le uova fino a quando non si sarà formato un composto leggero e spumoso
  • Continuando a mescolare aggiungete l’olio, l’acqua,la vanillina, la farina setacciata
  • Aggiungete il lievito setacciato ed amalgamate per alcuni istanti
  • Versate 3/4 del composto nello stampo
  • Al rimanente composto aggiungete il cacao
  • Amalgamate bene
  • Versate il composto nello stampo
  • Prendete un coltello immergetelo nell’impasto e formate dei cerchi, al fine di creare un effetto marmorizzato
  • Mettere in forno e cuocere per circa 40 minuti
  • La vostra ciambella soffice all’acqua è pronta!

Curiosità:

Lo sapevate che la vanillina è la molecola che conferisce alla vaniglia il profumo caratteristico.

Consigli:

Quando preparate un dolce lievitato con il lievito chimico non fate trascorrere troppo tempo tra il momento in cui lo aggiungete all’impasto e la posa in forno. Il lievito potrebbe cominciare a sviluppare aria quando non serve, ossia fuori dal forno.

]]>
http://www.mangiaredivino.com/ciambella-soffice-allacqua.html/feed 0
Orecchiette ai gamberi e spinaci http://www.mangiaredivino.com/orecchiette-ai-gamberi-e-spinaci.html http://www.mangiaredivino.com/orecchiette-ai-gamberi-e-spinaci.html#comments Tue, 11 Dec 2012 12:15:45 +0000 paco http://www.mangiaredivino.com/?p=2907 Leggi tutto »]]> Non solo solito abbinare i formati della pasta ai piatti che preparo però, per questo primo con gamberi e spinaci, utilizzo sempre le orecchiette. Come tutti saprete, questa pasta alimentare è tipica della Puglia, ma anche della Basilicata e delle aree confinanti. Interessante anche sapere che le orecchiette hanno una forma diversa a seconda delle località dove vengono prodotte, anche i nomi cambiano, cicatelli a Foggia,chiangarelle a Taranto,stacchiodde a brindisi e Strascinati a Bari.

Preparazione:

  • Prendete un tegame versate all’interno l’olio
  • Ponete sul fuoco
  • Tuffateci all’interno i gamberi sgusciati
  • Fateli rosolare per pochi istanti
  • Bagnateli con il brandy
  • Fate sfumare
  • Aggiungete gli spinaci, rimestate il tutto
  • Aggiungete la crema di latte, salare il tutto
  • Amalgamare e togliete dal fuoco
  • Cuocete le orecchiette in acqua salata
  • Colatela e versatela nel tegame con la salsa
  • Ponete il tegame sul fuoco
  • Rimestate per circa 2 minuti su fuoco dolcissimo
  • Servite caldissimi
  • Le vostre Orechiette ai gamberi e spinaci sono pronti!

Enjoy it!

Curiosità:

Lo sapevate che gli spinaci sono una fonte di vitamina A e C?

Consigli:

La cottura dei gamberi non deve essere prolungata, per evitarne l’eccessiva evaporazione di acqua. Cosa ne dite di sostituire gli spinaci con i broccoli per rendere questo piatto “Natalizio”?

Abbinamento vino:

Che ne dite di un ottimo Fiano di Avellino?

]]>
http://www.mangiaredivino.com/orecchiette-ai-gamberi-e-spinaci.html/feed 0